IL BUSINESS PLAN: LA GUIDA STRATEGICA DELL’IMPRENDITORE

//IL BUSINESS PLAN: LA GUIDA STRATEGICA DELL’IMPRENDITORE

di Alfonso Riccardi

La redazione del business plan rappresenta l’attività di advisory per eccellenza a supporto degli imprenditori nell’ambito della finanza aziendale.

Il business plan costituisce il primo passo verso l’implementazione dell’idea imprenditoriale, consente di pianificare e programmare le attività operative aziendali, ma allo stesso tempo si pone l’obiettivo di far emergere criticità strutturali.

In una visione generale il business plan è visto come lo strumento a utilizzo e beneficio delle startup e come un documento burocratico per operazioni straordinarie. In effetti, viene spesso considerato quando le imprese sono alla ricerca di nuovi capitali tramite il finanziamento bancario o l’apertura dell’equity. E’ spesso redatto per l’accesso a bandi pubblici, quali i famosi bandi europei per le startup innovative.

Tuttavia, il solo l’utilizzo esterno dello strumento perde buona parte della sua efficacia: in questi casi, infatti il business plan sovente diventa solamente un esercizio numerico, spesso con molti errori, e di poco valore per gli scopi interni.

Con l’esperienza di anni e l’analisi di numerosi business plan, ho classificato i seguenti punti come errori tipici di chi ha un approccio puramente “burocratico” alla materia della pianificazione strategica:

  • omissioni, errori e contraddizioni nei dati

  • scarsa ed insufficiente analisi del settore e dei concorrenti;

  • vaghezza del piano degli investimenti e del loro timing;

  • obiettivi produttivi non compatibili con i vincoli tecnologici

  • obiettivi commerciali non realistici

  • previsioni economico-finanziarie troppo ottimistiche (*)

In realtà, il lavoro sul Business plan ha una chiara ed efficiente funzione interna: fornire una guida strategica. La strategia viene poi definita in base ai benchmark individuati per la valutazione di linee di business e i risultati futuri, anticipando in una prima fase l’attività di controllo finale.

Quindi, affinché il business plan sia corretto è fondamentale assicurare la coerenza del piano con gli agenti e risorse interne ed esterne. Tra gli obiettivi interni è necessario che il piano sia coerente con le risorse (capitali e umane) disponibili in azienda e/o resi disponibili nel piano strategico. Allo stesso tempo, il business plan dovrà essere coerente con le condizioni microeconomiche e macroeconomiche dell’environment in cui opera l’azienda.

Per sintetizzare: un business plan efficace deve basarsi su ipotesi ragionevoli, facilmente riscontrabili, con informazioni attendibili e nel rispetto delle condizioni di coerenza interna ed esterna. In assenza di questi criteri il business plan non è altro che un esercizio numerico.

Un esempio calzante per un ambiente come quello delle PMI italiane è la mancata conoscenza da parte dell’imprenditore delle risorse finanziarie del piano, dei concorrenti e del timing del piano d’investimento. Tradotto in parole semplici, l’assenza di una gestione delle risorse finanziarie o una pianificazione sommaria delle stesse è sinonimo di vacuità delle ipotesi e dei ragionamenti alla base dei risultati prospettici pianificati.

Articoli recenti

Unisciti alla nostra Community di professionisti e studenti

Per rimanere sempre aggiornato su corsi ed eventi dell’Academy.

2020-01-14T14:59:02+00:00

Nuovi Corsi

Contatti

Viale Ostiense 92, Talent Garden 00154

Phone: 06 9670 1614